Perché nasce il Blackpost

“Nero su bianco” significa nitidezza, precisione. Ma può significare anche rovesciare il punto di vista, ribaltare la prospettiva, cambiare lo sguardo con cui leggere la realtà: leggerla e soprattutto scriverla.

Lo straniero che, da oggetto dell’informazione, diventa soggetto attivo della comunicazione; l’obiettivo non è quello di “parlare di loro”, ma di fare in modo che siano loro stessi a parlare e descrivere la vita e il mondo che li circonda, nel bene e nel male.

Il progetto editoriale “Black post- L’informazione nero su bianco” si propone quindi di mettere in primo piano chi troppo spesso viene denigrato, discriminato e non riesce ad esprimere il proprio punto di vista, con una prospettiva diversa.

Proprio per questo la redazione è composta esclusivamente da immigrati di prima o seconda generazione, con la collaborazione, di giornalisti, professori e studenti. Questi ultimi aiuteranno, chi, per ragioni comprensibili, magari essendo arrivato da poco, avrà difficoltà a scrivere in Italiano. Questa sarà anche un’occasione per creare in primis al nostro interno un esempio di inclusione e collaborazione, nonché formare giornalisti del domani.

A dirigere la linea editoriale c’è un giornalista in particolare, una nota ed eccellente firma del panorama giornalistico e politico Italiano ma specialmente Romano.

L’idea è insomma mettere in rete una testata editoriale che si caratterizzi per l’approccio inedito e l’originalità metodologica e, ovviamente, per i contenuti trattati da un punto di vista “altro”. Tutto interpretato con un taglio che risulterà inaspettato e accattivante.

Si tratta in sostanza di restituire la propria soggettività a chi la vede spesso negata, se non bandita, affinché la possa diffondere e rendere disponibile per chi vorrà accoglierla.

Non sfuggirà infine che il nostro progetto si affiancherà a quel vasto sentimento solidale che attraversa il paese, in contrasto la preoccupante deriva sociale xenofoba, che purtroppo si ritrova in sintonia con le ingiuste politiche governative sull’immigrazione.

13 Commenti. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu