G5 Sahel: Macron Babbo Natale sta arrivando!
Emmanuel Macron annuncia che molto presto i mezzi saranno messi a disposizione dei paesi del G5 sahel per, finalmente, affrontare la minaccia jihadista!
Più il dubbio e lo scetticismo si installano sull’impegno reale dei paesi del nord a sostenere il G5 per combattere il terrorismo, più Parigi moltiplica le promesse e gli impegni. In chiaro, la diplomazia del megafono, gli effetti delle maniche per creare ancora illusioni in questo grande mercato di boccaloni.
Ricordate questa offerta Franco-tedesca volta ad ampliare il perimetro di sicurezza per affrontare la minaccia terroristica nel sahel ? Includendo fra l’altro anche i paesi membri del G5 Sahel, alcuni paesi come il Senegal, la Costa d’ Avorio e il Ghana.
Un’offerta che illustra il fallimento lampante e clamoroso di un approccio strategico e di una visione ristretta in materia di lotta contro il terrorismo.
Gli obiettivi di questo nuovo approccio restano sfumati, imprecisi. E come se servisse per tagliare meglio le loro pecore, (coloro che credono che sono loro che verranno a salvarci) con un pò di anestetico, il ministro francese della difesa dichiara che molto presto, i distacchi di forze speciali europee integreranno gli eserciti locali per rintracciare i jihadisti .
La Francia non ha mai preso in considerazione la dimensione transfrontaliera del terrorismo. Ha definito i suoi obiettivi strategici e i suoi interessi in base ad una visione coloniale di rafforzamento della sua posizione nel suo pre-carre che va dal Mali al Niger, passando per il Ciad, il Burkina-Faso, la Mauritania, il Senegal. Per questo motivo, ha imbeccato per escludere l’Algeria che rimane un pilastro essenziale in questa lotta contro il terrorismo.
D’altro canto, ha coinvolto l’Unione Europea, soprattutto la Germania, per aiutarlo a garantire la presa in carico del costo estremamente elevato di questa presenza, in mancanza di aver fallito a metterlo sotto il comando della minusma La quale dispone di ampi margini di manovra a causa della forte riluttanza americana.
Inoltre, Parigi ha sempre privilegiato l’aspetto sicuro a scapito di un approccio olistico che tiene conto degli interessi dei paesi del G5. La Francia è più preoccupata per rafforzare le sue posizioni e la sua influenza in un contesto di concorrenza feroce e implacabile per il controllo delle risorse Minerarie, naturali ed energetiche, che sostenere gli stati del Sahel ad avere il controllo politico di questa lotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *