Nel 2018, gli Emirati Arabi Uniti hanno importato 7 tonnellate di oro artigianale (valutato a $ 262 milioni) dal Burkina Faso e dal Mali dal Togo, il canale di esportazione per questo prezioso prodotto.  Una volta raffinato, questo oro viene esportato in Arabia Saudita, Turchia e Svizzera.  In origine, questo traffico succoso nasconde la tragedia di due paesi, il Mali e il Burkina Faso, classificati nella zona rossa dal Quai d’Orsay (Ministero degli Affari Esteri francese) in un contesto di forte crescita dei gruppi islamici nel  Sahel.  Soffocato dalla potenza di fuoco americana in Medio Oriente, i gruppi armati si ritirano nel Sahel dove hanno molte delle loro etichette e, a volte, popolazioni acquisite alla loro causa.
 Gli analisti della sicurezza attribuiscono molti di questi attacchi al ramo regionale di al-Qaeda, Jama’at Nusrat al-Islam Wal Muslimin (gruppo di supporto per Islam e musulmani) e un gruppo locale chiamato Ansarul Islam  (I difensori dell’Islam).  A est, lo Stato islamico del Grande Sahara opera in foreste che sono state a lungo un paradiso per banditi, contrabbandieri e bracconieri.
 Questo fenomeno di navi comunicanti vede lo Stato Islamico desiderare $ 2 miliardi di oro artigianale situato tra Burkina Faso, Mali e Niger.  Questo è un tipo di OPA facilitato dalla sconfitta dei due stati Malian e Burkinabe alle loro periferie e, per quanto riguarda il Mali, dal fallimento delle forze ONU (il Minusma) nella sua missione di  riportare la pace.  Va sottolineato, inoltre, in questo fiasco militare contro il brigantaggio e i narcotrafficanti sotto la faccia della Jihad, l’incapacità del G5 Sahel, di coordinare le forze armate dei 5 paesi del Sahel e di istituire  un comando flessibile e veloce.  In un recente rapporto, Reuters riferisce che gli attacchi in Burkina Faso si sono concentrati su aree di panning dell’oro.
 Più di 2.200 siti di lavaggio dell’oro clandestino sono stati identificati in questo paese, che è diventato il nuovo ventre molle del Sahel.  Nel 2018, i funzionari del governo del Burkina Faso hanno visitato 24 siti vicino ai siti di attacco e hanno stimato di produrre un totale di 727 kg di oro all’anno, ovvero circa 34 milioni di dollari all’anno.  prezzi correnti, anticipo Reuters.

 Pertanto, il ministro delle miniere del Burkina Faso, Oumarou Idani, ha dichiarato a maggio che gli islamisti avevano preso il controllo di alcune mine, in particolare nelle aree protette, dove incoraggiavano i campi minerari a scavare in violazione dei divieti governativi.  “Hanno nutrito il campo e comprato e venduto oro”, ha detto a Reuters.
 Secondo le stime dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), le miniere informali in Burkina Faso, Mali e Niger producono insieme circa 50 tonnellate di oro del valore di 2 miliardi di dollari all’anno.  anno.  Secondo le stime del governo e dell’OCSE, il Burkina Faso produce circa 15-20 tonnellate di oro all’anno, per un valore compreso tra $ 720 e $ 960 milioni.
 Nel 2018, il Burkina Faso ha registrato esportazioni ufficiali di soli circa 300 kg di oro da piccole miniere – circa dall’1,5% al 2% della produzione stimata del paese – riflettendo l’entità  contrabbando.  I minatori informali spesso lavorano fuori dalla vista delle autorità.  Gli sforzi del Burkina Faso di localizzare le sue piccole miniere hanno rivelato che solo 25 di loro avevano permessi validi in tutto il paese, ha detto a Reuters Salofou Trahore, amministratore delegato del regolatore del governo.
 Degli oltre 1.000 siti visitati di recente dagli ispettori statali del Burkina Faso, 800 erano attivi.  Grandi parti del nord e dell’est sono al di fuori del controllo della capitale, il che ha portato alla dichiarazione di uno stato di emergenza in 14 delle 45 province del paese.
 All’inizio del 2019, funzionari internazionali hanno fatto pressioni sul Togo per agire contro il contrabbando di oro, temendo che il commercio avrebbe portato a un conflitto nella regione, ha detto a Reuters una persona direttamente a conoscenza dell’iniziativa.  Nestor Adjehoun, direttore dello sviluppo e del controllo presso il Ministero delle miniere del Togo, ha affermato che il commercio dell’oro è stato sospeso nel paese dall’inizio dell’anno per renderlo più trasparente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *