È in corso un genocidio, oltre 6 milioni di persone

(la metà sono dei bambini sotto i 5 anni!) Sono stati massacrati nell’indifferenza generale e con il sostegno degli Stati Uniti e dell’Europa! Centinaia di migliaia di donne e ragazze sono state violentate e mutilate dagli eserciti di occupazione.

E tutto questo per un motivo principale: cogliere l’eccezionale ricchezza mineraria che nasconde il sottosuolo del paese …

Conosciamo il metodo, amplifichiamo alcune notizie e ne nascondiamo altre altrettanto orribili. Si parla molto della crisi dei migranti e del Medio Oriente al momento, con la lotta al terrorismo (?), Una lotta piuttosto inquietante con l’ingresso della Russia, chiamata da Assad, che non passerà inosservata, prendendo di mira (tutti?) gli avversari del presidente siriano. 

Nel frattempo, nascondiamo volontariamente ciò che sta accadendo in Congo, tuttavia, anche se ciò significa muovere anime buone che si affrettano a piangere sul destino dei poveri migranti, dovremmo trattenere alcune lacrime per un genocidio in corso, di cui non parleranno nei tuoi media preferiti, che sembrano lamentarsi in modo selettivo.

Un genocidio in cui i nostri leader e la comunità internazionale erano complici

Nel centro dell’Africa, il Congo è un paese ricco, pieno di materie prime (diamanti, oro, stagno, gas, petrolio, uranio, coltan…), foreste, acqua, donne e uomini di una moltitudine di tribù riunite sotto una nazione disegnata dai coloni.

In seguito al genocidio in Ruanda, anche i paesi vicini hanno approfittato della vaghezza politica e istituzionale in Congo (al confine con il Ruanda) per attaccare questo gigantesco paese pieno di tesori.

E l’occidente in tutto questo, come si sta comportando? La colpa dei leader americani ed europei riguardo al genocidio in Ruanda li spinse a perseguire una politica filo-ruandese, lasciando i ribelli ruandesi, dalla parte congolese, liberi di fare ciò che volevano, aiutati dagli alleati ugandesi e burundesi.

Ma soprattutto, le molte ricchezze naturali nella RDC sono vitali per le economie occidentali, in particolare per l’industria automobilistica, l’aeronautica, lo spazio, l’alta tecnologia e l’elettronica, i gioielli … 

Il coltan in particolare (di cui il Congo ha almeno il 60 % delle risorse globali) è essenziale nella produzione di componenti elettronici presenti in TV, computer, smartphone ma anche in determinate armi come i missili!  Anche la RDC sta subendo una massiccia deforestazione. I principali importatori? Stati Uniti, Europa, Cina. Non c’è da stupirsi. 

Ma dal momento che l’intrusione bellica sembra interna all’Africa, nessuno può accusare gli Stati Uniti e le altre potenze occidentali di sfruttare le risorse e la ricchezza del Congo intervenendo direttamente. No, è ancora più pratico lasciare questa sorta di confusione agli occhi di tutti.  Allo stesso tempo, gli Stati Uniti appoggiano le successive dittature in Congo e nelle milizie ruandesi e ugandesi.

Il mantenimento della povertà e di condizioni di vita precarie, stupri incessanti (e un tasso di AIDS che raggiunge il 20% della popolazione nelle province orientali), sfollamento della popolazione, oltraggi, epidemie. Sembra chiaro che è in atto una strategia di disumanizzazione per rendere le vittime indifese, una situazione terribile, una vera strategia di terrore. “Finché l’opinione pubblica abdica, il congolese rimane il” negro “dell’Africa?  Baloji, tutto ciò non ti renderà il Congo. 

I leader occidentali hanno sete di ricchezza al punto da consentire un altro genocidio? Sì, al punto da consentire a un nuovo genocidio di essere perpetrato e persino coperto. Con le armi, l’addestramento militare delle nostre élite. Una cosa: ciò che sta accadendo in Congo, dagli affari politici ed economici al genocidio, non è determinato solo dai congolesi, ma anche dai poteri carnivori, avidi di ricchezza e senza considerazione per il popolo.

La situazione in Congo sarà risolta dagli stessi congolesi. Ma la comunità internazionale deve smettere urgentemente di sostenere i ruandesi, gli ugandesi e tutte le milizie che perpetuano questo insopportabile stato di guerra, permettendo loro di mettere le mani sulla ricchezza di un paese senza dover rendere conto a nessuno.

6 milioni di morti. La metà di loro bambini piccoli. Il mondo dice: libero?  – noi – dobbiamo imperativamente guardare in faccia qual è la sua libertà? Perché tanta violenza e così poco rumore dai media?

Non è interessante per gli europei?  Non è abbastanza sensazionale, questo massacro che conta milioni di persone?  È troppo lontano da “casa”, applicano ancora una volta questa odiosa “Legge di prossimità”?  Perché nessuna reazione, nessun impatto sull’immaginario collettivo, nessuna indignazione, nessuna rabbia, nessuna emozione? Il nostro dovere come cittadini del mondo è quindi quello di diffondere il messaggio. Fallo sapere al mondo.  Prima che il mondo si muova.  Ci sono colpevoli in Europa come in Africa.  Il silenzio dei potenti uccide tanto quanto il rumore delle mitragliatrici. Mettiamo tutti gli assassini ad affrontare le loro responsabilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu