Iniziamo, in Mali e in Burkina Faso in particolare, ad averne un’abitudine macabra. Il termine è diventato corrente nei nostri paesi, e struttura purtroppo una parte dell’attualità. I conflitti inter comunitari sono sempre più violenti e assassini, in particolare nel sahel. Mettono alle prese due o più gruppi umani, in uno stesso paese o in paesi diversi, che ne vengono ad affrontare e a uccidersi per diversi motivi. Questi conflitti, come tutti gli altri, hanno come attore principale la gioventù. Quest’ultima è utilizzata come vettore di violenza e, molto spesso, è anche quella che soffre più degli scontri. E ‘ auspicabile che la gioventù africana e in particolare sahel, sia coinvolta nella ricerca di soluzioni affinché i giovani cessino di essere piantagrane e diventano fattori di stabilità e di intesa.

E ‘ indispensabile identificare in un primo tempo le principali fonti dei conflitti intercomunitari per poi determinare come la gioventù possa costituire una soluzione ai problemi posti.

Diversi motivi spiegano che le popolazioni che vivono in armonia per decine di anni anzi secoli ne arrivano ad affrontare e a sperare così di distruggere. La prima causa è l’accesso alle risorse naturali come il fondiario, i corsi d’acqua, i pascoli, le zone minerarie, ecc. Queste condizionano l’esistenza di alcuni sistemi di produzione e quindi la sopravvivenza delle popolazioni. Quando queste ultime ne sono private o sono minacciate di essere private, possono commettere l’irreparabile per mantenere le possibilità di continuare le loro attività socio-economiche. La crescita demografica dinamica aumenta la pressione sulle risorse naturali e partecipa così all’esacerbazione delle tensioni intracomunitarie. Non è raro che le zone in cui persistono queste violenze siano spesso luoghi in cui la popolazione crede fortemente.

Bisogna anche integrare la religione come elemento di tensione intercomunitario. Le correnti religiose e i diversi rami di una stessa religione possono diventare localmente dei fattori di confronto. Le linee di confronto religioso possono confondersi abbastanza facilmente con le linee di frattura comunitaria e aprire prospettive scure di amalgami e distruzione. Questo è ciò che si trova nel nostro paese in alcuni luoghi in cui si stima che i terroristi siano membri di un gruppo etnico o che i quadri di questo gruppo appartengano ad una etnia.

La politica, in particolare la competizione elettorale con in prospettiva, l’accesso alle responsabilità e al potere, il suo esercizio, costituisce un’altra fonte di tensione latente nella maggior parte dei paesi africani. Spesso si ritiene che tale presidente stia giocando sul fattore etnico per dividere e farsi rileggere. Non è raro nemmeno identificare i candidati mettere in evidenza la loro appartenenza a tale gruppo o negare la loro appartenenza a tale altro gruppo etnico. Questa situazione cristallizza le identità, apre strade di identitarie su di sé, favorevoli alla stigmatizzazione e al confronto.

Le questioni di rappresentatività delle minoranze etniche anzi religiose, la protezione della loro libertà di culto o la difesa di alcune specificità sono anche suscettibili di essere fonte di tensione. In modo specifico, ci sono anche le controversie socio-culturali come le questioni di caste, la schiavitù o la stigmatizzazione di cui soffre le comunità umane su uno spazio determinato che potrebbe provocare conflitti.

Le disfunzioni statali aggravano i conflitti latenti e possono anche i. La corruzione delle élite e dei servizi da una comunità o supposto tale crea un senso di frustrazione negli altri che si stimano allora truffati e possono, in queste circostanze, cedere a tentazioni di vendetta. Lo stato diventa così fattore di disturbo invece di essere vettore di equità, giustizia e quindi di armonia.

Questi diversi fattori si combinano su alcuni spazi, anzi si coniugano per creare tensioni che conducono a massacri come questo è il caso qui o lì. È opportuno i con azioni collettive audaci. E ‘ opportuno anche e soprattutto i investendo nell’informazione, nella sensibilizzazione e nella formazione dei giovani affinché non soccombono a queste tentazioni distruttive.

I giovani devono comprendere le sfide, conoscere il loro paese, la loro regione, la loro cultura, le loro origini, la loro comunità, i rapporti tra quest’ultima e gli altri. Devono essere dotati di una cultura di apertura e di tolleranza che questo sapere genererà in loro.

Il giovane angolano, sud sudanese o nigeriano di oggi deve comprendere le sfide internazionali per non farsi manipolare, conoscere gli interessi strategici degli uni e degli altri, conoscere anche gli interessi dei nostri paesi e dei nostri insiemi regionali, identificare i rapporti di Forza, saper impegnarsi in veri combattimenti ed evitare di farsi manipolare dagli altri. Questa è la gioventù solida nella sua testa che aiuterà i nostri paesi a uscire dalla loro situazione di oggetto.

La conoscenza della religione diventa fondamentale come quelle delle origini e della cultura. I giovani devono padroneggiare in cosa la religione è un fattore di progresso, di pace, di armonia e di giustizia. Ciò che permetterà loro di evitare la caricaturare e di saper usarlo per farne una guida individuale che consenta di migliorare il funzionamento della collettività. A tal fine bisognerebbe i a leggere, informarsi, coltivare, formarsi e mettere gli strumenti che ci vogliono a loro disposizione.

Formarsi per avere un mestiere, essere autonomo e avere un’indipendenza di giudizio formano una base su cui saranno attuate le altre misure. Quando non si lavora e non si sente utile alla collettività, la mente si condiziona per rispondere a tutti i tipi di sirene, in particolare i più cattivi. Una buona parte dei membri dei gruppi terroristici o che conducono azioni distruttive per altri motivi sono anche persone oziare e senza lavoro.

Dobbiamo poi inculcare ai giovani l’ambizione di organizzarsi per andare nel senso della costruzione. Creare o animare associazioni, gruppi, ecc. In modo disinteressato, per servire la collettività, qualunque sia la forma, deve essere naturale presso i nostri giovani.

E ‘ finalmente indispensabile risvegliare il senso politico dei giovani affinché possano impegnarsi, condurre combattimenti obiettivi e fondati sulla ragione. Questo senso politico, combinato con un senso elevato del patriottismo e della cittadinanza, rafforza il guscio ideologico della gioventù di fronte alle manovre e altre tentazioni cattive.

I nostri paesi possono rafforzare il loro apporto all’umanità, su tutti i piani, grazie alla gioventù. Per fare questo, devono aiutarlo ad allontanarsi dalle trappole autodistruttivi che sono le violenze intercomunitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu