Cerchiamo però di non sprofondare prima!

E’ sicuro che il terrorismo non trionferà. Né in mali, né altrove. Questa è una verità costante nella storia. I gruppi terroristici possono portare colpi severi contro i loro avversari dichiarati, come di recente a Indelimane. Possono dare l’impressione di avere il vento in poppa convincendo così molti individui perduti ad aderire alle loro cause. Tuttavia, prima o poi le loro avventure saranno sempre destinate al fallimento. La violenza e la distruzione non possono servire da obiettivi politici. Il regresso significativo dello Stato islamico ne è un’illustrazione evidente. Il suo capo ha finito per essere raggiunto ed è stato costretto a suicidarsi per non cadere nelle mani dell’esercito americano che era sulle sue tracce da qualche anno. Si unisce così Bin Laden e altri meno illustri, in Somalia o in Tunisia, sulla lista dei fomentatori di morti che finiscono per essere spazzati via dal loro odio. Più vicino a noi, i leader terroristi che esplorano il nord e il centro del Mali o i paesi vicini, probabilmente avranno la stessa sorte. L’ unica incertezza è il momento.

E’ impossibile per un gruppo armato terroristico conquistare e gestire in modo sostenibile uno spazio. I talebani afgani come i somali somali, organizzati e armati, rimangono presenti in zone periferiche di alcuni paesi, ma non dirigono più ampi territori. Lo stesso vale per Boko Haram in Nigeria o ancora di Al Qaeda o altri nel nostro paese. Questi gruppi possono commettere attentati. Possono essere attaccati a posti o a guarnigioni militari isolate. Possono investire villaggi o città medie, far passare i loro messaggi e mantenere le loro influenze. Ma non possono essere visualizzati nella durata e stabilire la loro amministrazione. Questa realtà continuerà. Ci sono diversi fattori che contribuiscono.

Gli stati, per quanto deboli possono apparire, dispongono di più mezzi dei gruppi terroristici. Questo è il caso del Mali, come il Burkina Faso o la Nigeria. Le loro forze militari sono al di sopra di quelle delle organizzazioni terroristiche. Se sono più organizzate, meglio ordinate e riescono ad adattarsi alle realtà della guerriglia, sono del tutto in grado di infliggere risvolti significativi alle organizzazioni armate illegali.

La presenza straniera sui nostri territori è un fattore dissuasivo per alcune operazioni terroristiche. Lei continuerà ad esserlo. Questa presenza straniera obbliga i piantagrane a preparare i loro interventi con attenzione per evitare di essere avvistati e di essere rapidamente neutralizzati. Mantiene anche la pressione sui capi terroristici, particolarmente mirati con l’eliminazione di alcuni di loro. Ciò che sconvolge i loro movimenti e in generale le loro operazioni.

Il terzo fattore, il più significativo da affrontare, è la caratteristica dell’ideologia musulmana maggioritaria in Mali e nel Sahel. Questa ideologia è contraria alla radicalità. Questo è rafforzato dagli attributi sociali di tolleranza, apertura e laicità, modellati dalla storia, dalle culture, dalle tradizioni e dalle civiltà ancora prégnantes. Molti leader religiosi sono stati anche mirati dai terroristi e la stragrande maggioranza di loro non condividono la radicalità violenta che ci è straniera. Questa realtà è una forza che può essere utile nella lotta contro l’ideologia radicale.

Questi fattori non sono immutabili ma rimangono ancora strutturalmente presenti per portare il messaggio del fallimento strategico che costituisce l’avventura terroristica nei nostri paesi. Sono anche loro che permettono di capire che l’obiettivo strategico non è, e non deve essere solo la distruzione militare dei gruppi terroristici.

Devono essere combattuti, ma avendo chiaramente identificato il quadro in cui si deve iscrivere l’approccio.

Ciò che minaccia di più i nostri paesi è la debolezza dello stato. Il persistere di una situazione di “né guerra né pace” favorisce l’ancoraggio dei terroristi e il mantenimento di spazi di non diritto che possono crescere e svilupparsi, minacciando dall’interno gli equilibri sociali-Culturali. Questo è chiaramente percettibile nel centro del Mali. Ciò che cercano è minare il paese dell’interno e ottenere un’implosione e una disgregazione che offriranno loro uno spazio favorevole ai loro sviluppi e alle loro iniziative. Questo è l’aspetto che ci deve importare di più. Dobbiamo lavorare, per non permettere loro di avvicinarsi all’obiettivo ricercato. Al contrario, dobbiamo adoperarci per allontanarli e in modo sostenibile. Ciò che faciliterà il loro regresso e sancirà la loro sconfitta. L’ avventura terroristica è destinata al fallimento, ma bisogna creare le condizioni di questo fallimento.

Dobbiamo così tenere, lavorare per rafforzare l’interno e far fallire il progetto di rottura dei tessuti sociali. Tenere, per un paese come il Mali, come per il vicino Burkinabé, è lavorare sia a livello centrale che con le parti centro e nord. Dobbiamo assolutamente stabilire un consenso nazionale sulla rotta da dare all’azione statale e alle attività della nazione. Questa rotta deve essere il ripristino della pace e della sicurezza attraverso il controllo effettivo del territorio da parte dello stato. Questo consenso nazionale deve, ad esempio, includere tutti i gruppi armati firmatari dell’accordo per la pace e la riconciliazione nazionale che desiderano iscriversi nel progetto per l’unità nazionale di fronte all’implosione ricercata dai gruppi terroristici.

Il consenso sulla rotta deve essere perseguito dall’unità su come arrivarci. E’ imperativo che ci sia un impulso dato dalla comunità internazionale per sostenere le forze di pace. Il Mali di nuovo raccolto deve fissare le sue priorità e le direzioni in cui intende agire per negoziare al meglio. Gli attori esterni, anche sul piano militare, devono accompagnare, aiutare e facilitare.

Il consenso sulla rotta deve soprattutto essere tradotto da un movimento d’insieme dei maliani per correggere le nostre debolezze interne. Dobbiamo lavorare su noi stessi e migliorare. Dobbiamo saper tenere la testa fredda in ogni luogo e soprattutto evitare di gettare l’anatema sugli altri. Ogni maliano deve guardare in faccia le proprie responsabilità in ciò che ci accade e cercare di porvi rimedio. Questo passerà anche, e soprattutto, attraverso un maggiore riaggiustamento della nostra governance verso una forte esemplarità della leadership. Ciò che apporto progressivamente la fiducia tra i maliani e le loro élite prima, e poi tra loro stessi, unica condizione che permette di convincere ciascuno a fornire uno sforzo indispensabile. Solo a partire da questo momento potremo affrontare le questioni di fondo e le questioni geostrategiche con gravi possibilità di successo.

I terroristi ci pongono una sfida importante attaccando le nostre debolezze strutturali. Cerchiamo di trattarli con lucidità e coraggio per evitare la disgregazione ricercata, e far fallire i loro progetti mortifères! Saranno così più facilmente e più rapidamente sconfitti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu