Una fonte militare mauritana citata da alterinfo, ha annunciato che un comitato militare degli Emirati Arabi Uniti (acqua) era in visita non ufficiale in mauritania, per studiare un progetto di sviluppo di un aeroporto militare nel nord del paese.
Previsto vicino alle frontiere algerine, questo progetto impone diversi interrogativi sulle sue vere intenzioni. La fonte ha notato ai media che il comitato Emirati prevedeva di tenere riunioni con diversi responsabili dell’esercito mauritano, “e in particolare, quelli della Regione Nord”.
Per il loro futuro progetto, le acque, hanno scelto una posizione strategica, situata in un triangolo tra Mali, Algeria e Mauritania, spingendo gli osservatori a pensare che Algeri potrebbe essere il bersaglio.
Prima dell’annuncio di questo investimento emirati, “Moncef marzouki”, l’ex presidente tunisino, aveva messo in guardia contro una controrivoluzione condotta da acqua, Arabia Saudita e Egitto, mirando Algeria, Libia, Marocco, Marocco e La Tunisia. All’epoca aveva certificato che “L’ asse del male arabo” voleva soffocare i movimenti arabi, sostenendo che questi paesi avevano intenzione di combattere la democrazia e la libertà ad ogni costo.
L’ Algeria aveva ripetutamente manifestato il suo disaccordo con l’acqua, non ha preso parte con l’acqua e l’Arabia Saudita, nel 2017, dopo aver imposto il blocco in Qatar, li ha chiamati a Seguire prima una risoluzione politica, per risolvere le loro controversie. All’epoca, il ministro degli esteri del Qatar, ” Sultan Bin Saad al-Muraikh ” aveva ritenuto che la posizione algerina nei confronti della crisi del golfo fosse ” Onorevole “. Quindi la posizione di Algeri è chiusa sulla crisi libica. Tratta con il governo di Unione Nazionale Libico (gna) e si oppone alla ribellione di khalifa haftar, l’alleato di Abu Dhabi.
Secondo diverse fonti, le acque sognano da sempre di arrivare fino all’esercito algerino (ANP). Recentemente hanno tentato con ogni mezzo, di far parte di un progetto di collaborazione tra l’anp e il gruppo tedesco “Mercedes Benz”, sulla produzione di carri armati militari.
Il gruppo Emirati “Tawazoun” ha potuto raggiungere un accordo, al di sopra di quello firmato dall’Algeria e dalla Germania, per sostenere l’industria meccanica, all’interno del Ministero algerino della difesa. L’ Algeria è rimasta molto delusa da questo coinvolgimento, perché non rispondeva alle scelte strategiche, contemplate dall’anp con l’industria militare tedesca.
Dopo che la mauritania ha sostenuto la guerra condotta da riyadh e Abu-Dhabi in Yemen, la sua collaborazione militare con le acque è stata rapidamente notata. Diversi osservatori ritengono che le acque abbiano sfruttato la crisi economica del paese, per ancorare la loro presenza geostrategica e realizzare i suoi obiettivi in Africa.

Da parte loro, i media avevano menzionato il ruolo delle acque nel paese, in particolare il loro abusivo controllo dei porti di ” Nouakchott ” e di ” Nouadhibou “. Alcune informazioni avevano parlato del loro impegno nel progetto di sviluppo del porto ” Ingago “, Tra le coste senegalo-Mauritane, installata in una zona vicino ai pozzi petroliferi, segnalando che lì la presenza degli emiratis non era apprezzata dai senegalesi e dai francesi.
Analogamente, le relazioni avevano segnalato che il governo mauritano aveva offerto ampie terre agricole, sulle coste del fiume Senegal, a uomini d’affari emirati.
Secondo loro, il caso aveva scatenato proteste, all’interno della popolazione indigena che denunciò il fatto di essere stata privata e cacciata dalle sue terre, a beneficio di investitori stranieri.
Il caso è stato sollevato da un deputato, durante l’assemblea parlamentare la scorsa settimana, e ad oggi centinaia di vittime si aspettano che le autorità ripensino alle “scelte ingiuste” che hanno fatto.
Si noti tuttavia che in Mauritania le acque si sono imposte nei settori economici, militari e persino mediatici.
Troppo bello per essere vero, osservatori si chiedono del prezzo che pagherà la mauritania, in cambio dei suoi aiuti, temendo che la situazione impegna impatti sulla stabilità del paese e di quelli del maghreb, in particolare l’Algeria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu