Ricordiamo le donne

Oggi è l’8 marzo e come sempre si ricorda in tutto il mondo come “la festa della donna”. Un giorno importante che viene ricordato anche per tutte le conquiste che…
Gli Articoli

Sabaudia, doping ai braccianti indiani per lavorare di più e alleviare la fatica

0

In Italia nel 2021 siamo costretti a leggere anche queste notizie. Oltre a calpestare la dignità dei lavoratori, si calpesta la dignità di uno Stato che si manifesta una repubblica democratica fondata sul lavoro. Un medico di base ha prescritto false ricette di un farmaco stupefacente con il principio attivo dell’ossicodone a 222 braccianti indiani, non per curare delle patologie, ma per riuscire a fargli sostenere i gravosi turni di lavoro nei campi. È quanto accaduto a Sabaudia, nell’Agro Pontino (Latina).

Pensieri & Poesie

Il mio sogno

0

Un mondo senza guerra
I tuoi bravi figli aspirano ad una società
Senza violenza,
Di tolleranza,
Di rispetto nella differenza.

Gli Articoli

A un anno dalla morte di George Floyd cosa è cambiato negli Stati Uniti?

0

Un anno fa, il 25 maggio, George Floyd è stato ucciso da Derek Chauvin. Floyd non aveva avuto comportamenti violenti e non era armato. Era immobilizzato sull’asfalto e aveva ripetutamente detto di non riuscire a respirare. L’ex poliziotto di Minneapolis, Chauvin, è stato condannato, il 20 aprile di quest’anno, per omicidio per aver bloccato George Floyd con il ginocchio sul collo. Gli altri agenti coinvolti saranno processati prossimamente con l’accusa di favoreggiamento di Chauvin.

Gli Articoli

Darboe, da immigrato a giocatore della Roma in Serie A

0

Ebrima Darboe era solo un adolescente quando aveva lasciato da solo il Gambia per poi attraversare il mare dalla Libia direzione Italia, alla ricerca di un futuro migliore. 5 anni più tardi, è diventato una delle stelle emergenti della società di calcio di Serie A, AS Roma. Il percorso per il giovane calciatore non è stato facile come tutti possiamo immaginare.

Gli Articoli

Tra populismo di destra, massacri e Covid-19: le tragedie brasiliane

0

Giovedì 6 maggio, un’operazione di polizia ha ucciso 25 persone a Jacarezinho, una comunità povera. È il secondo più grande massacro nella storia di Rio de Janeiro. La strage avviene anche con la risoluzione della Corte Suprema Brasiliana che ha sospeso le operazioni di incursione nelle comunità durante la pandemia, nonostante le 420mila morti dovute finora alla pandemia.

Pensieri & Poesie

Black face

0

Not your race
Even if it is your place
They don’t care if it isn’t your face
Living in a society that steals your identity and replace

Gli Articoli

Pena di morte in Usa, riforma necessaria per salvare le vite

0

Ledell Lee è stato giustiziato nel 2017 per un omicidio nonostante le richieste degli avvocati per il test del DNA sulle prove. Quell’anno, lo Stato dell’Arkansas veniva criticato per la volontà di eseguire il maggior numero di pene di morte nel minor tempo possibile. Come viene riportato dai media, i funzionari avevano addirittura dichiarato che fosse necessario eseguire le condanne a morte prima che uno dei loro farmaci scadesse.

Menu