Pensieri & Poesie

Di padre in Figlio

Niente e nessuno ha colpe in questo binomio.
Ognuno di noi alla fine disegna.
Si, disegna con un pennello invisibile il sentiero su cui cammina.

Il mio giardinaggio

0

La vita è un grande giardino sperimentale.
Per diventare, tengo in memoria:
Eliminare il superfluo.
Coltiva amici sensibili.
Imparare: lo spirito amorevole
si apre a nuove cose.

Diavoli

0

La donna è diavolo quando non si esprime e non si difende
L’uomo è diavolo quando reprime e quando attacca
La donna è diavolo quando mente
L’uomo è diavolo quando mente.

L’uomo, l’animale che ignora di esserlo

0

Sono quello che uccide per una credenza o un colore della pelle,
Il manifestante che piange sotto il gas lacrimogeno, l’innocente che singhiozza da solo nella parte inferiore della sua cella.

Forza e coraggio, ma come gira sta rota…

0

Passeggiando in segreto
Senza certificato
Con guanti e mascherina
Dopo il decreto
Te ‘ncontro quel cinese sfortunato
Che un mese fa pe paura de esse infettato,
Avevo menato.

Artisti, rifugiati e vagabondi

0

Signore e signori, state attenti ai vagabondi;
Artisti, rifugiati e altri seguaci delle rivoluzioni
Rubano la vostra terra natale, la vostra lingua, il vostro orizzonte

Una storia che vale la pena raccontare

0

Una storia a lieto fine: la storia di Kebrat!Oggi il medico di Lampedusa, Pietro Bartolo , ha ricordato la storia di una giovane ragazza arrivata a Lampedusa senza polso e senza battito, dopo il naufragio del 3 ottobre 2013

Perché se ne vanno malgrado i rischi ?

0

Perché ci hanno derubato l’Africa. Vieni, avvicinati all’equatore,
Vieni a visitare i miei tropici dei mille colori.
Ai fiumi di diamanti e di dolori .
Baraccopoli, è altrove. È qui.

Chez moi: le donne d’Africa

0

Perché da me le donne non hanno il diritto all’istruzione
Una donna serve ad avere figli
Prima di essere qualcos’altro
Una donna è soprattutto una madre, una moglie
Chi si alza presto la mattina per prendere l’acqua dal pozzo,
Quella che bolle la pentola per sfamare la sua famiglia,
Quella che sostiene e lenisce le grida
Quella da cui abbiamo imparato a dire di si,
Perché quando l’uomo comanda la donna obbedisce
L’uomo non sbaglia mai, ma a volte dimentica, dimentica di ammetterli.

Come una pietra

0

Sotto un albero, seduto sul marciapiede, i suoi occhi sbattevano sul muro. C’erano foglie secche, dorate e croccanti che si sbriciolavano nel vento, così fragili, così vecchie. Sì, erano carcasse, ma condividevano ancora con un mondo.

Menu